Pasell

Tra le imprese campane che hanno contribuito alla nascita del Global Compact Campania, va menzionata la Pasell s.r.l., azienda fondata nel 1994 a Forino (Av) e che opera nel settore dei componenti per elettrodomestici.
La storia del gruppo Pasell, che conta ben 7 stabilimenti produttivi sparsi per l’Europa, inizia in realtà negli anni ’60 quando i fratelli Amitrano, Giuseppe ed Angelo, cominciarono la propria attività presso la “Amitrano Andrea”, un’azienda napoletana operante nel settore dei manufatti in cemento.
La flessibilità nella risposta al mercato, l’attenzione all’innovazione, e la capacità di interpretare correttamente i bisogni dei target, sancirono il successo dell’azienda che da impresa individuale si trasformò nella società “Amitrano Andrea & fratelli s.n.c.”. Fu proprio in seguito a tale cambiamento che la Ignis, oggi Whirlpool, propose all’azienda di produrre contrappesi in calcestruzzo per le proprie lavatrici. Negli anni ’80 i fratelli Amitrano decisero di investire nella provincia di Avellino e di Salerno. Furono così fondate a Montoro Superiore (Av) prima la Cellublok s.r.l. per la produzione di manufatti in cemento, e poi la Ramit s.r.l. che a causa di una serie di problemi contingenti non riuscì a decollare.
Infine nel 1994 fu fondata a Forino la Pasell s.r.l. che si è specializzata nella produzione di componenti in gomma, plastica e calcestruzzo per i white goods (elettrodomestici, quali lavatrici, lavastoviglie e frigoriferi) diventando fornitrice di affermate aziende come Merloni, Whirlpool, Electrolux, Candy Elettrodomestici, Indesit Company, Bompani, La Germania, Iar Siltat e Terim.
Per soddisfare al meglio le esigenze dei propri clienti, la Pasell s.r.l. ha deciso di affacciarsi sul mercato internazionale aprendo stabilimenti in Galles, Slovacchia e Russia, che si sono aggiunti ai quattro stabilimenti già presenti in Campania (Pasell s.r.l., Amiflex s.r.l., Argom s.r.l., Cellublok s.r.l.) e allo stabilimento in Friuli (Marilea s.r.l.).
Attualmente l’amministrazione della Pasell è affidata al figlio di Angelo Amitrano, Salvatore (classe’71), che è stato nominato nel 2004 presidente dei Giovani industriali irpini, movimento di cui faceva parte già da alcuni anni e che gli ha consentito di interiorizzare valori quali la trasparenza, la lealtà, la fiducia, il rispetto delle regole, la salvaguardia dell’ambiente e il benessere dei cittadini, principi che attualmente infondono la cultura aziendale e che gli hanno consentito di vincere il Premio “Roberto Marrama” per i giovani talenti nel settore dell’imprenditoria. L’importanza attribuita alla comunicazione e alla condivisione delle conoscenze all’interno della struttura aziendale, ha indotto Salvatore Amitrano a presentare a tutti i responsabili del gruppo i principi a cui si ispira la corporate governance di Pasell.
Tali principi sono:
- l’innovazione, non solo tecnologica ma anche organizzativa, la quale consente alla Pasell di soddisfare le esigenze delle multinazionali del settore degli elettrodomestici;
- l’armonia, derivante dalla condivisione di valori con tutti gli stakeholder e dall’impegno sia per lo sviluppo del territorio irpino sia per l’aumento dell’occupazione, attraverso il superamento degli ostacoli culturali ed ambientali che contraddistinguono il territorio;
- la responsabilità, derivante dal rispetto dell’ambiente e della comunità locale, e dalla volontà di generare non solo valore economico ma anche sociale.
L’azienda Pasell rappresenta nel Sud Italia un esempio virtuoso di come sia possibile coniugare l’obiettivo del profitto con la responsabilità sociale. Per sviluppare e diffondere all’esterno tale capacità la Pasell, che svolge attività di ricerca e sviluppo per l’intero gruppo, ha realizzato collaborazioni con centri di ricerca ed università attraverso attività di stage, di tesi e master che garantiscono il trasferimento della tecnologia dal mondo accademico a quello aziendale. Di recente la Pasell ha sponsorizzato un Master in “Management della responsabilità sociale e dell’etica d’impresa”, organizzato dal Csr Permanent Lab93 e con l’obiettivo di formare nuove figure professionali in grado di aiutare dall’interno le imprese ad assumere comportamenti socialmente responsabili senza per questo sacrificare le performance economiche.
L’azienda sviluppa anche corsi di orientamento e formazione professionale non solo a livello locale ma anche attraverso la promozione di stage per studenti della comunità europea, facilitando e promovendo in questo modo lo scambio di conoscenze e competenze.

di Stefania Sabatino [Visita la sua tesi »]

Condividi questa pagina