Tiscali

Tiscali S.p.A. viene fondata da Renato Soru, presidente e amministratore delegato, nel gennaio del 1998 a seguito della liberalizzazione del mercato delle telecomunicazioni in Italia. Con sede a Cagliari, l’impresa nasce come operatore telefonico e Internet Service Provider regionale, attivo in Sardegna, Milano e Roma.
Il 26/11/1998 Renato Soru conclude l’accordo di venture capital con Kiwi I Ventura-Servicos S.A., che entra nell’assetto azionario con il 10% attraverso un aumento di capitale e porta un contributo fondamentale a livello di management.
Nel marzo del 1999 ottiene la licenza ministeriale per l’offerta al pubblico di servizi di telefonia vocale su tutto il territorio nazionale; nello stesso mese lancia, con una mossa di mercato strategicamente fondamentale per il suo sviluppo, il primo servizio di connessione ad Internet senza costo di abbonamento: TiscaliFreeNet. Nel luglio dello stesso anno cesserà di essere operatore regionale per diventare presente su tutto il territorio nazionale con il suo servizio di connessione, posizionandosi da subito tra i primi ISP del mercato.
Il 27/10/1999 Tiscali si quota al nuovo mercato: è l’inizio della contrattazione di un titolo che, tra salite e discese sorprendenti, susciterà un interesse altissimo anche al di fuori dei confini nazionali. Da questo momento in avanti la storia della società si fa più complessa poiché andrà arricchendosi di un elevato numero di acquisizioni europee (ad esempio World Online, ISP olandese caratterizzato da una diffusa presenza sul territorio nel continente europeo e Liberty Surf, ISP leader in Francia), di società fondate in collaborazione con altri soggetti (ANDALA UMTS S.p.A.) e di jont ventures tra le più differenti ma che rimangono accomunate dall’alto tasso di innovazione che le caratterizza (innovazioni tecnologiche, di business, di gestione, ecc.).
Il 19/06/2001 Tiscali si quota al Nuoveau Marchè di Parigi, a testimonianza della realtà europea raggiunta dall’impresa. All’attività di ISP e operatore telefonico con cui si era partiti Tiscali è andata aggiungendo ulteriori attività integrative che trovano le loro principali componenti in un backbone europeo di proprietà, contenuti, portali orizzontali e verticali, attività B2B e trading online. Il risultato di tre anni circa di storia aziendale dà come risultato finale una società mutata negli organi sociali (Figura 5.1), nella compagine azionaria (Figura 5.2), ampliata nel business e capace di esportare il proprio modello dalla Sardegna a gran parte dei paesi europei. Al 30 Giugno 2002, Tiscali ha registrato 20.5 milioni di utenti registrati di cui 7 milioni di utenti attivi ed un traffico Internet di 20 miliardi di minuti nel corso del primo semestre 2002: tali cifre fanno di Tiscali la prima Internet Company europea.

di Marco De Angelis [Visita la sua tesi »]

Condividi questa pagina