Fattoria di Vibio

L’azienda agrituristica in esame si estende per una superficie di trenta ettari, in una posizione a metà tra il comune di Montecastello di Vibio e quello di San Venanzo, località Buchella, nei pressi del Doglio, in Umbria.
Territorialmente, dall’alto delle verdi colline che circondano uno dei più incontaminati angoli della regione, a 600 metri sul livello del mare, la Fattoria di Vibio si affaccia in direzione della suggestiva vallata dominata dal Monte Peglia.
Ubicata in un incantevole posizione collinare è caratterizzata da un meraviglioso panorama della valle del Tevere nel quale, tra estesi boschi, si stagliano vecchie abitazioni ormai abbandonate, nella tranquilla area destinata a parco naturale.
Dalla classifica delle aziende autorizzate all’esercizio delle attività agrituristiche secondo le tipologie ottenute in base ai servizi offerti, suddivise per i comprensori dell’Umbria, risulta che la fattoria è una delle tre uniche aziende che offrono il servizio di ospitalità, pasti e attività ricreative nella zona della Media Valle del Tevere.
Fattoria di Vibio si trova a 12 km da Todi ed a breve distanza dalle principali vie di collegamento con Roma e Firenze. Si raggiunge comodamente dall’uscita di Fratta Todina/Monte Castello Vibio della superstrada E 45 se si viene in automobile.
Per chi proviene da Firenze la prima uscita è A1 per Roma, la seconda A1 Orvieto SS 448 per Todi e al bivio per Prodo-quadro (SS 79 Bis) girando a sinistra si prosegue tramite la segnaletica stradale dell’azienda.
Per chi invece proviene da Roma l’uscita è A1 per Firenze, poi Orte in direzione Terni-Perugia e dopo aver oltrepassato lo svincolo Perugia- Cesena si esce a Todi-Orvieto e si prosegue in direzione Orvieto per 5 km (SS 448) per poi trovare sulla destra il bivio Prodo-Quadro. Inoltre, ci si arriva in aereo dall’aeroporto regionale di Sant’Egidio oppure dall’aeroporto internazionale “Leonardo da Vinci” di Fiumicino- Roma.
Indipendentemente dal mezzo utilizzato per raggiungere l’azienda, la localizzazione della stessa permette di arrivarci in poco tempo grazie alla sua centralità, sia nei confronti della regione che la ospita, a pochi km da una delle città più centrali della regione (Todi), sia in rapporto alla penisola stessa, in quanto l’Umbria ne costituisce il centro.Per quanto riguarda i poli di interesse artistico e storico, l’Umbria offre agli ospiti dell’azienda notevoli opportunità: grazie al suo ricco patrimonio medioevale, contraddistinto da un influenza etrusca e romana, si possono visitare numerose costruzioni architettoniche di incomparabile bellezza come duomi, chiese, borghi.
Oltre alle bellezze artistiche, l’Umbria offre ai suoi visitatori anche numerose manifestazioni tradizionali: il Calendimaggio ad Assisi, la corsa dei Ceri a Gubbio, la Giostra della Quintana, le infiorate di Spello ed Assisi, il Palio della Balestra a Gubbio e molti altri eventi. Un aspetto caratteristico legato alla posizione territoriale dell’azienda è la sua vicinanza al grazioso paesino di Montecastello di Vibio, contraddistinto da una tipica impronta medioevale, arroccato su una collina dalla quale si può vedere buona parte del paesaggio umbro della valle del Tevere.
Per gli appassionati di musica, prosa e balletti, il paese offre una stagione ricca di appuntamenti al peculiare “Teatro della Concordia”, una miniatura del 1800, definito il “teatro più piccolo del mondo” a causa della sua ridotta capienza (non conta più di 99 posti). Infine, come già accennato, ad appena quindici minuti dall’agriturismo si trova Todi, un suggestivo borgo che anticamente sorgeva al confine tra il territorio etrusco (come testimonia anche la cerchia più interna di mura, romane-etrusche appunto) e quello più propriamente umbro.
La posizione, dominante la valle del Tevere, ne fa un gioiello di architettura medioevale incastonato nel verde del panorama circostante. La sua antica piazza, una delle più belle d’Italia e il fatto di aver dato i natali a Jacopone ne fanno una meta irrinunciabile per qualsiasi viaggiatore che percorra le strade dell’Umbria.
Indubbiamente, la vicinanza dell’azienda alle città d’arte, oltre alle caratteristiche strutturali e architettoniche degli edifici e il tipo di ristorazione e servizi offerti, costituisce la forza attrattiva di questo agriturismo rispetto a quello di altre parti della regione.

di Anna De Luca [Visita la sua tesi »]

Condividi questa pagina