Hotel Le Meridien

L'Hotel Le Meridien e' situato in uno degli edifici più significativi della Torino del '900, l'antica fabbrica di automobili del Lingotto, oggi rivisitata in chiave moderna da uno degli architetti più geniali del panorama internazionale, Renzo Piano.
L'ospitalità Le Meridien ha trovato dal 1995 un luogo ideale per creare in una struttura aweniristica "un genuino pezzo di città", pulsante, vitale, poliedrica, complessa. L'Hotel Le Meridien Lingotto è, per vocazione, l'albergo ideale di chi viaggia per lavoro: l'area ufficio in camera, le sale meeting dotate di modernissime attrezzature, il collegamento diretto con il Centro Congressi e con i padiglioni del Centro Fiere Lingotto, il tutto realizzato prestando particolare attenzione ad una categoria emergente fra coloro che viaggiano per lavoro: le businesswomen. "Il soggiorno in albergo per la donna che lavora non deve essere motivo di stress, - dice il Direttore - ma deve costituire un momento piacevole di pausa e di svago, grazie al quale recuperare le energie".
Ecco allora fiorire numerosi servizi, creati per donare alla donna in viaggio per lavoro, frammenti di benessere dei quali a casa è sovente privata per mancanza di tempo; dal piacere di "vivere" una camera dal design "industriale" concepita come un 10ft dalle grandi e luminose vetrate e arredata con pezzi di design moderno, alle tecnologiche utilities presenti in ogni camera [2 linee telefoniche dedicate per collegamenti fax e pc, tv con schermo LCD 30" con collegamento satellitare); dai peccati di gola tutti da scoprire nel Chocolate Bar, al piacere di correre all'aria aperta sullo Joggotto, area jogging al top sul tetto della fabbrica, adibita un tempo a pista di collaudo delle auto Fiat.
Sulla stessa linea che vuole l'opera di Piano come nuovo centro di fermento culturale, oltre che commerciale, della città, [ricordiamo infatti che il Lingotto è diventato il nuovo cuore metropolitano di Torino, con 90 attività commerciali e 11 sale cinematografiche) si innesta la Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, uno "scrigno" metallico innalzato in vetta al complesso architettonico, che ospita la straordinaria raccolta di 25 opere d'arte donate dall'Awocato a Palazzo Grassi. La collezione, visitabile ogni giorno, è accessibile direttamente dall'albergo, e comprende capolavori di Canaletto, Canova, Manet, Matisse, Modigliani, Picasso e Renoir.

di Giuseppina Secchi [Visita la sua tesi »] [Leggi i suoi articoli »]

Condividi questa pagina