Acea

Nel 1909 nasce l'AEM, l'Azienda Elettrica Municipale, del Comune di Roma, che ha come obiettivo di fornire energia per l'illuminazione pubblica e privata e nel 1912 viene inaugurata la Centrale Montemartini.
Il Governatore di Roma nel 1937 affida all’AEM la costruzione e l’esercizio di acquedotti e reti idriche di distribuzione per la città di Roma.
In quello stesso anno l’AEM è trasformata in AGEA, Azienda Governatoriale Elettricità e Acque.
Alla fine della II Guerra Mondiale Roma può contare solo sulla Centrale Montemartini, e nel 1945 L’AGEA diventa ACEA, Azienda Comunale Elettricità ed Acque.
Alla scadenza della concessione alla SAPAM, Società Acqua Pia Antica Marcia, nel 1964, l’Acquedotto Marcio viene trasferito ad ACEA, si realizza così l’unificazione della distribuzione delle acque con ACEA unico gestore.
Nel 1985 Acea assume il servizio di depurazione, con un bacino di utenza di oltre 3.000.000 di abitanti. Si pongono così le basi per la gestione integrata di tutto il ciclo idrico.
Nel 1989 Acea diventa Azienda Comunale Energia e Ambiente, nel 1992 si trasforma da Azienda municipalizzata in Azienda Speciale. Dal 1° gennaio 1998 diventa Società per Azioni e nel luglio del ‘99 fa il suo ingresso in Borsa e sul mercato viene collocata una quota pari al 49% del capitale sociale.
Nel 2001 Il Gruppo Acea acquista da Enel S.p.A. il ramo di distribuzione di energia elettrica nell'area metropolitana di Roma. Con tale iniziativa, Acea Distribuzione S.p.A. diviene il secondo operatore di distribuzione di energia elettrica dopo quello nazionale.
Oggi Acea è concentrata sui settori del ciclo integrato delle acque e della filiera dell'energia. Acea è anche nel settore idrico e si pone come primo operatore In Italia con una quota pari al 12% della popolazione nazionale. Le Società del Gruppo operano gestendo direttamente e indirettamente i servizi idrici integrati in Toscana, Lazio, Campania. Acea esegue, inoltre, attività di analisi e di ricerca nel settore idrico-ambientale.
Con 27.640 km di rete, Acea si pone come il secondo distributore di energia elettrica in Italia, immettendo complessivamente circa 10.805 GWh l'anno.
Attraverso la gestione della sola rete di distribuzione dell’area romana, le società del gruppo consentono l’erogazione di elettricità ad oltre 2 milioni di abitanti.
Le società del gruppo Acea che si occupano del settore dell’energia elettrica sono così composte:
Acea Distribuzione gestisce la pianificazione, la progettazione, la costruzione e la manutenzione degli impianti di distribuzione primaria in alta tensione (AT) e secondaria in media e bassa tensione (MT/BT) nell’area del Comune di Roma. Cura la costruzione e la manutenzione dei sistemi di telecomando e telecontrollo, nonché l’esercizio di tutte le reti di distribuzione di energia elettrica.
Con l’acquisizione nel luglio 2001 del ramo di azienda ex Enel, Acea Distribuzione oggi serve 1.500.000 utenze ed è il secondo distributore di energia elettrica in Italia. La società si occupa inoltre della conduzione e manutenzione del sistema di illuminazione perpetua nei 12 cimiteri nel Comune di Roma.
Acea trasmissione, nasce in ottemperamento delle nuove disposizioni imposte dal D.lgs 79 del 16/03/1999, che ha riservato le attività di distribuzione e trasmissione al GRTN.
In seguito ad un accordo strategico nel campo dell’elettricità e del gas con la belga Electrabel, sesto operatore europeo del settore, nel 2002 ha costituito AceaElectrabel, società che opera nel campo della generazione, trading e della vendita di elettricità ai clienti liberi e vincolati.
Il gruppo AceaElectrabel holding provvedere alla produzione, all'acquisto, vendita ed intermediazione, in qualunque forma, di energia elettrica, gas naturale e altri combustibili o vettori energetici, ed è così formato:
AceaElectrabel Produzione gestisce il complesso delle attività riguardanti la produzione di energia, pianifica lo sviluppo e il potenziamento delle attività, progetta e realizza nuovi impianti e promuove e valorizza l’impiego delle fonti di energia rinnovabili. Gestisce direttamente il servizio di Teleriscaldamento nei comprensori romani di Mostacciano e Torrino sud.
AceaElectrabel Trading gestisce l’acquisto, l’intermediazione e la vendita di energia elettrica e, in prospettiva, di gas metano e di altri combustibili o vettori energetici; esercita anche un'attività di consulenza ed assistenza.
AceaElectrabel Energia è la società commerciale che opera nel mercato libero dell’energia elettrica e del gas naturale con lo scopo di consolidare l’attuale posizione nel mercato romano e di sviluppare l’attività a livello nazionale.
AceaElectrabel Elettricità provvede alla vendita dell'energia elettrica ai clienti del mercato vincolato di Roma, garantendo la continuità di un rapporto privilegiato che da quasi un secolo lega il Gruppo Acea al territorio.
Per rafforzare l’attività di produzione, la holding elettrica insieme a Electrabel e a Energia Italiana ha acquisito Tirreno Power, che si posiziona come la quarta società di produzione di energia elettrica italiana.
Acea inoltre è attiva anche nel settore di illuminazione pubblica e artistica, nel comune di Roma dove, con una rete di 6.000 km e 170.000 circa punti luce, favorisce la viabilità e la sicurezza delle strade nelle ore serali e notturne.
Dal primo gennaio 2004 Acea S.p.A., insieme alla società partenopea Graded, gestisce 56.000 punti luce del servizio di illuminazione pubblica della città di Napoli, mentre lo stesso servizio è gestito da Acea Luce S.p.A. a Foggia e in altri 12 comuni per un totale di oltre 33.000 punti luce.
Nel campo dell’illuminazione artistica, Acea dà luce agli innumerevoli monumenti della città di Roma. Il patrimonio artistico della capitale, non viene semplicemente illuminato, ma viene esaltato attraverso l’uso sapiente della luce, con particolare riguardo al risparmio energetico, e all’inquinamento luminoso.
Dal 1984 Acea gestisce un proprio impianto di teleriscaldamento, questo si sostanzia nell’utilizzo di calore, quale prodotto di recupero del processo di generazione per via termica dell’energia elettrica, per utilizzata per il riscaldamento e la produzione di acqua calda.
Tale impianto viene alimentato dalla centrale di cogenerazione di Tor di Valle, trasportando l’energia recuperata attraverso tubazioni interrate direttamente all’interno delle case.
Il servizio, gestito da AceaElectrabel, è erogato in due comprensori romani, Torrino sud e Mostacciano, a 23.000 abitanti e consente di eliminare emissioni nell’atmosfera e di ridurre l’inquinamento.
Il teleriscaldamento fornisce vantaggi sotto il profilo della sicurezza e del rispetto dell’ambiente, infatti grazie all’assenza di qualsiasi tipo di combustione, permette la sicurezza d’esercizio, inoltre è priva di emissioni inquinanti in loco.

di Fabio Cesaretti [Visita la sua tesi »]

Condividi questa pagina