Maliparmi

La Magicoral s.r.l. nasce nel 1976 come piccola impresa artigianale di gioielli e borse nel cuore del centro storico di Padova, accanto al rinomato Prato della Valle, ad opera di Merol Paresi. Questa signora, che in azienda definiscono dalla forte personalità e dal carattere eccentrico, delinea quella che rimarrà l’anima di Malìparmi, proponendo alle sobrie consumatrici dell’epoca una gamma di prodotti molto colorati, appariscenti e decorati, e di buona qualità. Questo spirito anticonvenzionale viene successivamente condiviso anche dalla figlia Annalisa, che la affianca inizialmente nell’impresa, e che decide di istituzionalizzarlo attraverso la creazione del marchio Malìparmi.
Sotto questa comune identità inserisce, oltre alle borse, iniziale core business dell’impresa, una linea di abbigliamento femminile e di calzature, allargando, attraverso collaborazioni mirate, oltre al ventaglio di offerta dell’azienda, anche la sua notorietà nel Veneto.
A metà degli anni novanta avviene il passaggio definitivo dell’impresa ad Annalisa, oggi titolare e presidente del consiglio di amministrazione, che, pur mantenendo il legame con la tradizione e l’artigianalità che avevano caratterizzato Magicoral, decide di trasformarla in un’impresa immateriale. Abbandona la produzione manifatturiera in house, che viene affidata ad una rete flessibile di selezionati e fidatifornitori sia italiani che esteri, e riorganizza le attività interne, attraverso l’aiuto di un gruppo di manager, in due principali aree: l’anima creativa, il cui elemento principale è l’ufficio stile che viene efficacemente da loro denominato “un team di donne entusiaste”, e quella organizzativa, capitanata da “un gruppo di uomini concreti” che ritrova il suo punto focale nell’area commerciale che si occupa della gestione dei rapporti con fornitori e distributori.
Dalla nuova conformazione scaturisce anche un diverso approccio strategico dell’azienda al mercato, più strutturato ed orientato al lungo periodo, che definisce come punti principali per il rilancio dell’attività, due elementi fondamentali: la definizione di un’identità aziendale originale e ben definita che valorizzasse le origini artigianali e anticonvenzionali che fino ad allora avevano accompagnato l’azienda, attraverso l’offerta di un prodotto dalle qualità artigianali e dallo stile unico, realizzata con ingenti investimenti in ricerca, innovazione e tutela dei brevetti; e la promozione della stessa a scala internazionale attraverso una scelta comunicativa originale che puntasse ad incrementarne la riconoscibilità del marchio e a collocarlo nella fascia medio-alta di prezzo prescelta. In base a questi semplici principi strategici, che portano l’azienda a concentrarsi in maggior misura sugli aspetti immateriali della propria offerta, essa lancia nel 2004 un prodotto, l’Infrabijuox, frutto di attenti studi di mercato e di un coerente marketing mix, che è riuscito ad imporsi sulmercato e a trascinare con sé anche l’immagine dell’intero marchio. L’azienda, approfittando della notorietà raggiunta dal prodotto, lo ha posto al centro della sua campagna comunicativa il cui principale scopo era quello di associare l’immagine vincente che lo stesso aveva ottenuto nel mercato all’intero brand Malìparmi. Un’operazione che ha richiesto particolari investimenti in ricerca, collaborazioni e comunicazione, ma che ha consentito all’impresa di realizzare tra il 2004 e il 2005 una crescita del fatturato del 28% ed un’estensione a livello internazionale, Europeo in particolar modo, della notorietà del proprio marchio. Successivamente, a partire dal 2003, ma principalmente tra il 2004 e il 2006, per consolidare l’immagine di marca raggiunta, l’azienda ha investito molto nella riqualificazione dei più di 300 punti vendita plurimarca in cui è presente nel territorio italiano e nell’apertura di 5 negozi monomarca. Il primo dei quali a Padova, nel 2003, a cui sono seguiti quelli di Venezia e Verona, tra il 2004 e il 2005, e i due aperti quest’anno a Roma e Palermo. Nonché nella propria estensione nei mercati esteri, dove oggi già conta più di 200 punti vendita plurimarca. L’azienda, attraverso questa riorganizzazione, dal 1997 ha ottuplicato il proprio fatturato passando dai 2,6 milioni del ’97 ai prospettici 17,8 di quest’anno. Essa si è trasformata, riuscendo a sfruttare le proprie competenze tradizionali, la propria storia e cultura, per riposizionarsi su un mercato, quello della moda, che come abbiamo precedentemente visto, da qualche anno sta soffrendo una dura crisi.
La Magicoral s.r.l. oggi si inserisce nella fascia delle medio piccole imprese del Made in Italy con un organico appena superiore ai 50 dipendenti. La sua offerta spazia dall’abbigliamento femminile, con un peso superiore al 50% del fatturato, alle borse, precedente core business dell’azienda, alle calzature, in crescita di importanza relativa, agli accessori. In pratica un total look dalle caratteristiche etno-chic, ricco di dettagli, ricami ed applicazioni, riferito ad un target trasversale per età o appartenenza socioculturale, non strettamente legato alle mode in senso stretto, ma piuttosto allo stile di vita di una donna dalla personalità forte e decisa che ama distinguersi, mossa in particolar modo dalla ricerca di prodotti eleganti, ma pratici e con un discreto rapporto qualità prezzo pur concentrandosi nella fascia medio alta del mercato.

di Maura Paccagnella [Visita la sua tesi »]

Condividi questa pagina