Gruppo Villa Maria

Il Gruppo Villa Maria è ormai da diversi anni tra le più importanti realtà nazionali nel settore della Cardiochirurgia, grazie anche ai volumi di prestazioni chirurgiche e di emodinamica eseguite e per l'ampia distribuzione dei suoi Centri nel territorio nazionale. La sede principale del G.V.M. si trova a Lugo (RA). Le Strutture ospedaliere e i Centri medicodiagnostici del Gruppo sono presenti in Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Campania, Puglia e Sicilia. Le Strutture che svolgono attività di cardiochirurgia sono 8 e complessivamente vengono effettuati annualmente 5500 interventi chirurgici (anno 2003). I tecnici perfusionisti presenti nelle varie Strutture sono 25 e vengono gestiti da un responsabile del coordinamento del servizio di perfusione. Il coordinatore svolge la propria attività presso la Struttura principale (Villa Maria Cecilia Hospital) situata a Cotignola (Ravenna). Il servizio di perfusione del Gruppo Villa Maria è nato circa 4 anni fa, come esigenza di standardizzare i materiali di consumo, le tecniche utilizzate e le apparecchiature, in un settore ritenuto altamente critico e specialistico. La necessità di documentare le attività svolte dai tecnici perfusionisti durante la circolazione extra corporea (C.E.C.) e la possibilità di creare una banca dati unica, hanno portato alla necessità di avvalersi della tecnologia informatica. Un progetto nasce sempre da un problema operativo. Un problema esiste se ci si accorge di una determinata situazione, se la si giudica insoddisfacente, se si decide di porvi rimedio. La necessità peraltro espressa anche nelle leggi 502/ 92, 517/93 e 229/99 di ottimizzare le risorse al meglio, impongono ai manager un’ organizzazione basata sulla supervisione del ciclo operativo e di controllo dei risultati conseguiti, in termini di quantità, qualità e costo del prodotto (efficacia, efficienza e appropriatezza).
L’obiettivo generale della gestione dei processi, sia esso di tipo incrementale che radicale è la creazione di valore per l’azienda.287 La crescita del valore si può ottenere attraverso la ricerca sistemica, continua, perfino ossessiva di tutte le opportunità. Tali opportunità non sono solo da vedere in scelte di tipo straordinario, quali l’acquisto o la cessione di una partecipazione o la sostanziale ristrutturazione dei fondi di finanziamento, ma sono da vedere in tutte le scelte rilevanti attinenti alla gestione operativa. Una via fondamentale per la creazione di valore sono operazioni di tipo straordinario e quella della gestione (e quindi del miglioramento) dei processi. Processi migliori possono essere fonte di creazione di valore, processi più efficaci consentono di creare valori per il cliente/paziente (prodotti/servizi di migliore qualità a costi inferiori ed in tempi ridotti). Il valore generato agli occhi del cliente/paziente successivamente si traduce in valore per l’azienda attraverso il riconoscimento di una maggiore richiesta di prodotto/servizio. L’obiettivo generale di creazione di valore comprende e riassume in sé una serie di altri obiettivi specifici che caratterizzano la gestione dei processi:
- La riduzione dei costi del processo
- La riduzione dei tempi del processo
- Il miglioramento della qualità di esecuzione del processo e del suo output
Non si tratta di obiettivi tra loro alternativi, al contrario essi coesistono nell’ambito delle esperienze concrete di gestione dei processi; si tratta di obiettivi normalmente correlati. La fissazione degli obiettivi di costo, tempo, qualità e/o valore avviene concretamente identificando delle idonee misure, generalmente di tipo quantitativo, che servono non solo come guida costante delle azioni di gestione dei processi ma anche come parametro di verifica dei risultati ottenuti.

di Gabriella Del Monaco [Visita la sua tesi »]

Condividi questa pagina