Mariella Burani

L’ immagine attuale di Mariella Burani Fashion Group è il risultato di una successioni di eventi che hanno permesso lo sviluppo e la crescita dimensionale della società dagli anni ‘60 al nuovo millennio, dalla fondazione al giorno d’ oggi. Di seguito vengono citate le tappe fondamentali del Gruppo:
- nel 1960 Walter Burani fonda Selene, azienda che si occupa di produzione e distribuzione di vestiti per bambini, per passare poi negli anni ‘70 alla produzione di abiti pret-à-porter per donna;
- nel 1988 ha inizio la focalizzazione sulle licenze e sull’ apertura di negozi di proprietà; nell’ anno successivo Andrea e Giovanni Burani entrano nel management team;
- nel 1993 viene stipulato un importante contratto di collaborazione e di licenza con Valentino per la produzione e la distribuzione internazionale delle collezioni Carisma e Carisma Rouge. Le Strategie di espansione internazionale vengono ulteriormente implementate;
- nel 1997, firmato il contratto con Gai Mattiolo per la produzione e distribuzione nel mondo delle collezioni Gai Mattiolo Fashion Jeans, l’ azienda Griffes Diffusion si trasforma in produttrice specializzata con due nuovi factory outlet;
- il 1999 è un anno ricco di eventi: o viene firmato contratto con Calvin Klein per produrre e distribuire la Collezione per donna;
- avviene l’ acquisizione di una delle aziende italiane più rappresentative, Mila Schön, e l’ acquisizione di una delle aziende leader della maglieria italiana, Dimensione Moda;
- viene acquistata un’ importante Internet Provider e Software business: Sedoc/Trading;
- i primi anni del 2000, accanto alla quotazione in Borsa, vedono il susseguirsi di
importanti acquisizioni:
- acquisizione del 60% di Gabriella Frattini, un’ altra azienda leader della maglieria di lusso;
- acquisizione di ITM SpA, società attiva nella produzione e distribuzione di tessuti (seta e Jersey) e Compagnia della seta s.r.l.; di Moda Trading, licenziatario storico delle linee jeans e sportswear di Mariella Burani; di Revedi SpA e Revedi SA, società che gestisce 18 outlets commerciali in Italiane in Svizzera;
- OPS, luglio 2000: 28.000.000 azioni ordinarie, 39% flottante; Gabriella Frattini firma un nuovo contratto di licenza per la produzione e la distribuzione delle linee di maglieria di Toni Gard; viene lanciato il webcaster ufficiale della Camera Nazionale della Moda Italiana, Fashionweb.net;
- Mbgf si espande e annuncia l’ ingresso nel settore dei leather goods attraverso due operazioni importanti per il prestigio, per le dimensioni attuali e per la crescita proiettata nel futuro, tramite la creazione di Antichi Pellettieri e le acquisizioni di Baldinini (calzature di lusso)
- Mario Cerutti (calzature di lusso) o Enrico Mandelli (abbigliamento di pelle) o Mafra (calzature di lusso);
- acquisizione di Moda Trading, licenziatario storico delle linee jeans e sportswear di Mariella Burani;
- concessione di una licenza per la produzione delle collezioni di abbigliamento e calzature di Le Giovani;
- joint-venture35 con Stephen Fairchild per la realizzazione e la distribuzione delle linee donna e uomo di abbigliamento e accessori di lusso;
- apertura di 10 “boutiques” mono-marca (Mariella Burani, Mila Schön, Baldinini, Braccialini,..);
- acquisizione di un ramo d’ azienda di GFTNET comprendente il marchio SAHZÀ, 13 prestigiosi shop in shop e corner nei più prestigiosi department stores e retailers internazionali oltre che 17 collaboratori che si occupano dello stile e del coordinamento delle collezioni contrassegnate dal marchio stesso;
- nel 2002 si ha l’ inaugurazione di 13 nuove boutiques e prosegue la creazione di una
struttura verticalmente integrata tramite l’ acquisizione di:
- Revedi SpA e Revedi SA, società che gestisce 18 outlets commerciali in Italiane in Svizzera;
- ITM SpA, società attiva nella produzione e distribuzione di tessuti (seta e Jersey) e Compagnia della seta s.r.l;
- Acquisizione di GFM Industria S.p.A., società attiva nell’ abbigliamento con il marchio Ter et Bantine;
- Acquisizione del 50% della società tedesca Renè Lezard Mode Gmbh, leader nell’ abbigliamento uomo e donna di lusso;
- nel 2003, siglato il contratto di licenza con Sector per la produzione, realizzazione e distribuzione di orologi con il marchio Mariella Burani, viene firmata l’ acquisizione del 60% della società vicentina Biasia Francesco S.p.A., società operante nel settore pelletteria borse e accessori. Altre 7 nuove boutiques vengono inaugurate.
Dalla quotazione in borsa, quindi, la struttura e la composizione del gruppo si è profondamente sviluppata e Mariella Burani Fashion Group si è trasformato in un gruppo internazionale con un portafoglio diversificato di prestigiosi marchi propri e in licenza.
La rete distributiva conta del gruppo conta ad oggi circa 200 boutiques in tutto il mondo, 35 showrooms e oltre 5.500 clienti. Negli ultimi quattro anni fatturato consolidato è aumentato del 35% (CAGR 1999-2003).
Per il futuro il Gruppo intende continuare a focalizzarsi su strategie di sviluppo rivolte a massimizzare la visibilità dei marchi di proprietà, sviluppare sinergie tra le società del gruppo, ampliare la rete distributiva diretta, rafforzando la propria presenza nei mercati in espansione, sfruttare la notorietà costruita per stipulare nuove licenze.

di Serena Cattani [Visita la sua tesi »] [Leggi i suoi articoli »]

Condividi questa pagina