Bulgari Hotel

Nel parabola storica dell'hotellerie. partita dal soddisfacimento dei bisogni primari delle pensioni e giunta a moderne manifestazioni di autentica lussuria. i fashion hotel rappresentano oggi l'apoteosi del buon viaggiatore. L'hotel Bulgari di Milano nasce dall'idea della maison della gioielleria di estendere e diversificare il proprio marchio. dopo l'eccellente riuscita nei settori dei profumi. degli accessori e dell'orologeria. anche all'ospitalità di alta classe.
Nel 2001 perciò nasce la Bulgari Hotels e Resorts. una joint venture tra il gruppo Bulgari e la Marriott International. con lo scopo di creare una piccola esclusiva collezione di hotel di lusso nelle maggiori città e nelle maggiori location resort del mondo che combinasse la visione contemporanea di Bulgari al management Ritz-Carlton.
L'hotel milanese viene inaugurato nel 2004. in una delle zone più esclusive e segrete di Milano, via Privata Fratelli Gabba, a poca distanza delle esclusive boutique di Via Montenapoleone.
La progettazione della struttura è affidata all'architetto Antonio Citterio. che ha saputo ottimamente interpretare. con questa creazione. lo spirito del "lusso contemporaneo nell'ospitalità" 1 che pervade tutti gli ambienti dell'hotel.
I colori, i materiali,l'arredamento, ogni elemento insiste su un vocabolario sintetico, pulito e lineare, caratterizzato dai toni del bruno, dalle sfumature più chiare a quelle più intense. Ogni dettaglio è un tributo al lusso assoluto, contemporaneo, fatto dunque di forme essenziali e pezzi d'arredamento autentici disegnati dallo stesso Citterio, accanto ai quali trovano posto i materiali più pregiati; dal marmo nero dello Zimbawe al travertino di Navona, dalla pietra bianca di Vicenza al teak e al rovere, in una continua alternanza tra il bianco e il nero, tra il maschile della lobby e degli ambienti comuni e il femminile dei dettagli e dell'atmosfera.
Tutte le stanze sono state disegnate e arredate con una sola priorità: il conforto Grazie ai numerosi servizi offerti infatti, è facile trasformare anche il più stressante viaggio d'affari nell' esperienza di un confort assoluto; si và dal check-in in camera al personal assistant per lo shopping, l'hair styling e il make up, dal servizio 24h della conciergerie al valletto che si occupa non solo del trasporto, ma anche del disfacimento dei bagagli e della loro sistemazione in camera. In omaggio alla continua rappresentazione di sé stessi nel momento in cui si vive la suite, il bagno si apre scenograficamente sulla stanza da letto con delle grandi pareti a vetri, come in un enorme acquario privato, mentre l'armadio viene completamente sostituito da un'intera stanza dedicata al guardaroba.
Alcune camere sono dotate di una camera dedicata alla meditazione, completa di tatami, e tutte si aprono con un grande vetrata scorrevole su un luminoso balcone in teak sovrastante l'esotico giardino, visibile anche dall'immensa vetrata dell'area bar- ristorante, che re-interpreta, in chiave contemporanea, lo charme del giardino all'italiana; la bellezza dell'esterno è enfatizzata inoltre dall'adiacente Giardino Botanico, fondato nel 1774 . Infine la SPA, con la piscina a mosaici dorati, dotata di adiacente centro fitness e pronta ad offrire ogni tipo di trattamento rigenerante, in linea con i contemporanei rituali del benessere. In questo tempio del lusso, nel quale la luce gioca un ruolo principale creando volumi, spazi e percorsi, niente è lasciato al caso; qui l'irripetibilità è data dal progetto, dal servizio, dalla location, dalla profusione nell'uso di materiali rari e nobili, dalla personalizzazione estrema, dalla cura per ogni dettaglio e, infine, anche dal prezzo [una notte vale 600 euro ... ).

di Giuseppina Secchi [Visita la sua tesi »] [Leggi i suoi articoli »]

Condividi questa pagina